Un elevato livello di protezione della salute pubblica è uno degli obiettivi fondamentali della legislazione alimentare. In particolare i pericoli microbiologici dei prodotti alimentari costituiscono una delle principali fonti di malattie umane causate dagli alimenti. Vengono effettuate tutte le analisi necessarie per definire i parametri microbiologici di: un prodotto ,un processo tecnologico, shelf life ( definizione della vita commerciale),verifica della presenza di sostanze inibenti, analisi sulle impurità solide negli alimenti (Filth Test). Le nostre prove di laboratorio inerenti le analisi microbiologiche hanno lo scopo di: Definire i parametri indice e indicatori di contaminazione ( Carica microbica totale a 30°C, Carica Microbica totale psicrofila; Coliformi Totali, Escherichia coli, Clostridium spp; Bacillus cereus; Lie- viti e Muffe , Enterobacteriaccee, Lactobacilli), il tutto grazie all’ausilio del Sistema Tempo della Biomerieux con risultati entro 48 ore dall’arrivo del campione in laboratorio. Individuare microrganismi patogeni ( Listeria monocytogens, Salmonella spp.; Camphylobater spp.; Enterobacter sakazakii; Escherichia coli O:157; Yersinia enterocolitica, Stafiloccocchi colagulasi posistivi e loro tossine termostabili ) con metodica ELFA e PCR con risultati entro 24 ore dall’arrivo del campione in laboratorio. Vengono effettuate tutte le analisi necessarie per definire i parametri microbiologici di: un prodotto un processo tecnologico shelf-life ( definizione della vita commerciale)  verifica della presenza di sostanze inibenti; analisi sulle impurità solide negli alimenti (Filth Test); -misurazione dell'attività dell'acqua (Aw).

ANALISI SU ACQUE 

Il nostro laboratorio si occupa di eseguire le analisi microbiologiche dell’acqua, volte all’individuazione della presenza e della quantità di: 
• Carica microbica aspecifica a 22°C e  37°C 
• Batteri Coliformi; 
• Clostridium perfrigens; 
• Enterococchi intestinali; 
• Lievi e muffe;
• Escherichia Coli;
• Pseudomonas aeruginosa; 
• Stafilococchi patogeni; 
• Legionella pneumophila; 
• Legionella spp. 
 
Legionella, attenzione negli ambienti di lavoro L'allarme per una epidemia nel Bresciano ha richiamato l'attenzione sul pericolo legionellosi. Norma di riferimento nazionale sono sempre le linee guida per la prevenzione ed il controllo della legionellosi  pubblicato dal Ministero della Salute nel 2015.

Il documento approvato dalla Conferenza Stato-Regioni nella seduta del 7 maggio 2015 era stato aggiornato alla luce delle nuove conoscenze scientifiche, con l'ausilio tecnico-scientifico dell'Istituto Superiore di Sanità e di specialisti del settore. Il testo riunisce e integra le indicazioni fornite con le precedenti linee guida nazionali e normative, datate 2000 e 2005. La prevenzione riguarda ospedali, alberghi, caserme,  campeggi e strutture ricettive in genere, impianti per attività spor tive e scolastiche, piscine, stabilimenti termali, centri benessere: tutti luoghi nei quali si può entrare a contatto con acqua nebulizzata e quindi potenzialmente a rischio per la legionellosi.
Il caso Brescia ha ricordato che il batterio si può diffondere anche con i vapori delle torri di raffreddamento negli impianti industriali.

La Sialab in ottemperanza all’accordo Stato Regioni è in grado di eseguire in situ ricerca qualitativa di Legionella pneumophila con metodo logia LAMP ( risultato in 1 ora dal prelievo campione )per la individuazione immediata dei i siti contaminati al fine di dare la possibilità di inter venire tempestivamente per la bonifica degli impianti. 
Il Settore di Microbiologia delle Acque  oltre alle prove per la ricerca di legionella nelle acque per il consumo umano e minerali, su campioni di aria e impianti di climatizzazione può effettuare la valutazione del rischio legionellosi nelle strutture turistico-ricettive e termali, nelle piscine e negli impianti per attività spor tive e scolastiche.

RICERCA ALLERGENI 
Una rilevazione accurata e affidabile degli allergeni presenti negli alimenti garantisce 
la sicurezza e la qualità dei vostri prodotti e processi, verifica le proprietà alimentari
per l'etichettatura degli alimenti . Nei nostri laboratori allo stato dell’arte, i nostri tecnici esperti adoperano tecnologie d’analisi avanzate, tra cui Enzyme-Linked, Immunosorbent, Assay (ELISA) e Polymerase, Chain Reaction (PCR), al fine di determinare con precisione la presenza di allergeni, anche a livelli molto bassi.

Inoltre, possiamo analizzare la maggior  parte degli ingredienti allergenici elencati
nell'allegato II del regolamento europeo n° 1169/2011 relativo alle informazioni sui prodotti alimentari da fornire ai consumatori. Gli allergeni più comunemente analizzati dai nostri esperti sono: Cereali contenenti glutine ,Crostacei, come gamberi o granchi, Uova ,Pesce ,Soia ,Latte ,Arachidi e frutta a guscio come mandorle, nocciole e noci.  

ANALISI DI ENDOTOSSINE SU ACQUE DI DIALISI 
Le acque di dialisi, vista la loro funzione, devono avere un  elevato grado qualitativo di purezza sia in termini chimicimicrobiologici nonché  endotossinici. Il laboratorio, in accordo con le “Linee guida su acque e soluzioni per dialisi” pubblicate sul Giornale Italiano di Nefrologia / Anno 22 n. 3 2005 ,  effettua le analisi  mediante il metodo cinetico cromogenico.  Tale metodo prevede l’utilizzo di uno specifico strumento, rapido ed attendibile, che permette di rilevare minime concentrazioni endotossiniche pari a 0.05EU/mL 
 
ANALISI ECOTOSSICOLOGICHE
Al fine di saggiare la tossicità nell’ambiente o da par te di acque reflue o da par te di 
sedimenti  marini siti in specifiche aree, inquinate, si effettuano analisi ecotossicologiche.
Tali saggi, realizzati mediante i crostacei di acqua dolce (Daphnia magna) oppure mediante i batteri bioluminescenti (Vibrio fischeri) , permettono di capire l ’impatto ecotossicologico dei reflui e dei sedimenti sulla vita acquatica. Mentre per i rifiuti tali saggi vengono eseguiti in conformità  al Regolamento (CE) n. 440/2008 .